RESOCONTO 

Il Memorial Carlo Merlo, manifestazione inserita a calendario del Registro Storico Vespa ed organizzata dal Vespa Club Pinerolo “il vesPino”, si è svolta dal 25 al 27 settembre 2015. Con grande soddisfazione il “vesPino “ ha accolto rappresentanti di ben 46 Club italiani ed esteri (Serbia, Croazia, Svizzera, Germania, Belgio e Francia).

Il fine settimana vespistico è iniziato con l’inaugurazione della mostra fotografica “Vesperienze: la storia di un Merlo che volava con la Vespa”. La mostra, ad illustrare e celebrare la vita motociclistica di Carlo Merlo, documenta, con foto per lo più inedite, gli anni pionieristici di Carlo Merlo Vespista (componente della Squadra Piaggio che vinse la Sei Giorni del 1951), accanto alle sue imprese motociclistiche, prima da pilota e poi da Commissario Unico della Nazionale di Regolarità e di Motocross.

Presenti il Sindaco di Pinerolo e gli Assessori allo Sport ed al Turismo, il Conservatore del Registro Storico Luigi Frisinghelli, il Direttore Sportivo del Vespa Club d’Italia Leonardo Pilati , i Consiglieri VCI Silvano Bellelli, Franco Benignetti, Jean-Claude Aiazzi e Roberto Cicognani, ed il Consigliere ed il Segretario del Vespa World Club Bart Bergans (Presidente Vespa Club Belgio) e Marco Manzoli, i figli di “Carletto” Merlo,  Alfredo e Grado, hanno presentato i tre “Trofei  Carlo Merlo”, fusioni in bronzo del pittore e scultore Pinerolese Mario Borgna, messi in palio nella “Rievocazione Storica dei Circuiti di Pinerolo “ del giorno seguente.

L’ottava prova del Campionato Nazionale Rievocazioni Storiche ha preso il via dal piazzale accanto alla Cavallerizza Caprilli, il più grande maneggio coperto d’Europa, ed ha visto la partecipazione di 69 concorrenti ed una ventina di partecipanti “turisti”, fuori gara. Per un totale di 60 chilometri,  con tre Controlli Orari, i piloti hanno percorso alcune parti dei tracciati di  quattro circuiti motociclistici che si svolsero nel Pinerolese negli anni ’40 e ’50 : il Circuito dei Viali della Stazione, il Circuito del Ponte Chisone , il Chilometro Lanciato della Porporata ed il Gran Circuito Turistico del Sestriere, la cui “Salita di Pra Martino” è stata in passato inserita nel Giro d’Italia nel Tour de France.Il Regolamento delle Rievocazioni non prevede una classifica assoluta, ma volgiamo qui congratularci con Giancarlo Rizzi del Vespaclub Riviera dei Fiori per una gara a zero penalità.

A fine gara i piloti hanno svolto un breve “Giro d’Onore” per poi esporre i loro mezzi di fronte al Teatro Sociale nel centro di Pinerolo. Il Conservatore del Registro Storico Luigi Frisinghelli insieme ad Eraldo Bert del Vespaclub Pinerolo hanno commentato i mezzi più rappresentativi presenti, tra cui una 125 Sport Sei Giorni di Ernesto Biagioni del V.C.Torino  ed esemplari di tutti i modelli G.S. già presenti  al prologo del Raduno Internazionale  “60 Anni di G.S.” Per tutto il pomeriggio è stato operativo il servizio filatelico temporaneo di Poste Italiane per l’Annullo Speciale “Memorial Carlo Merlo”.

Durante la Cena di Gala si sono svolte le premiazioni, alla presenza del Presidente Onorario del “vesPino”  Aldo Fiora, Campione Europeo Regolarità Vespa 1961. Le Categorie Expert, Storico e Vintage hanno visto vincere rispettivamente Claudio Federici (V.C.Mantova), Ettore Braghini (V.C.Rovereto)  e Giancarlo Rizzi (V.C.Riviera dei Fiori). I trofei Mauro Pascoli (migliore prestazione di un modello G.S.) sono andati  nell’ordine al pinerolese Massimo Lomaestro, a Tomas Calzà (V.C.Rovereto), ed al Presidente del Vespaclub Pinerolo, Mauro Armando. Infine, Marco Manzoli ha consegnato in custodia al Vespa Club Pinerolo il gigantesco Trofeo Vespa Rally Europeo, vinto lo scorso anno da Marino Sola.

La domenica i partecipanti alla festa per il 60° compleanno della del Modello G.S. serie VS1 si sono ritrovati nella centrale piazza Vittorio Veneto, davanti al Teatro Sociale per esporre i loro mezzi ed offrire notizie ed  informazioni da “addetti ai lavori” ad un folto pubblico curioso. A metà mattinata molti hanno approfittato della possibilità di effettuare visite, anche guidate, alle vie ed edifici barocchi e medievali di Pinerolo, alla mostra Fotografica “Vesperienze”, al Museo Nazionale della Cavalleria, agli stand ed esposizioni del raduno per biciclette d’epoca “La Classica di Pinerolo”, nonché al Mercatino di Antiquariato Minore nel centro storico.

Alle 11,30 la Polizia Municipale ha accompagnato i partecipanti per un breve tour collinare fino a raggiungere il vicino Comune di San Pietro Val Lemina, dove i Vespisti si sono rifocillati con, tra le prelibatezze varie, il tradizionale “Fritto Misto alla Piemontese” . Quattro premi speciali, offerti dalla d Ditta CARBONE Ammortizzatori , sono stati assegnati da  Luigi Frisinghelli con motivazioni diverse e ben esplicitate ai proprietari di quattro mezzi meritevoli.

Particolarmente soddisfatti per la riuscita della manifestazione , il Vespa Club Pinerolo “il vesPino” ringrazia ancora i 69 piloti iscritti alla Rievocazione dei Circuiti di Pinerolo ed 78 piloti iscritti al Raduno Internazionale “60 Anni di G.S.”, i loro accompagnatori,   ed i 46 club presenti , molti rappresentati dai loro Presidenti.

 

 

 

 

 

 

Nella foto sopra, Carlo Merlo su una 125 Sport alla "Curva del Tabaccaio" del Circuito dei Viali a Pinerolo (1952).

Sotto, le due locandine della manifestazione.

CLUB PARTECIPANTI

Airole

Antwerpen (B)

Arzignano

Arezzo

Asola

Belgium (B)

Bouddha (B)

Brescia

Carmagnola

Chiari

Como

Correggio Emilia

Couvin (B)

Crema -Bettinelli

Croazia

Dauphinoise (F)

Domodossola

Fleron (B)

Fossano

Fregene Fiumicino

Gelsenkirchen (D)

Genk (B)

Gorgonzola

Grace Hollogne(B)

Il Gigante

Istria (HR)

Ivrea

La Côte (CH)

Lidi di Comacchio

Malonno

Mantova

Monferrato

Montecchio Emilia

Pinerolo

Ransart (B)

Rho

Riviera dei Fiori

Rovereto

Saint-Vincent

Sale Marasino

Salò

San Giorgio Mantovano

Serbia (SRB)

Torino

Venaria Reale

Vespe Padane